Pensieri Biancorossi
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi click o accedi per continuare.


..
 
HomeHome  IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  
 

 Mignani: "A Cagliari sfida stimolante, Antenucci il rigorista. Sull'esclusione di Galano e Gigliotti..."

Andare in basso 
AutoreMessaggio
GIAMEL

GIAMEL


Messaggi : 22192
Data d'iscrizione : 25.03.15
Età : 41
Località : Villabate (PA)

Mignani: "A Cagliari sfida stimolante, Antenucci il rigorista. Sull'esclusione di Galano e Gigliotti..." Empty
MessaggioTitolo: Mignani: "A Cagliari sfida stimolante, Antenucci il rigorista. Sull'esclusione di Galano e Gigliotti..."   Mignani: "A Cagliari sfida stimolante, Antenucci il rigorista. Sull'esclusione di Galano e Gigliotti..." EmptyVen Set 16, 2022 12:04 pm

Mignani: "A Cagliari sfida stimolante, Antenucci il rigorista. Sull'esclusione di Galano e Gigliotti..." 2f76afa1f6780eb9fc46460321564b50-04383-oooz0000

Il Bari di Michele Mignani nella giornata di domani sarà atteso da una sfida particolarmente importante in quel di Cagliari, dove i biancorossi proveranno a dare continuità all'ottimo avvio di stagione. Intervenuto in conferenza stampa, il tecnico ha raccontato le sue sensazioni in vista dell'incontro: "Per noi sarà una gara stimolante, andiamo a giocare in uno stadio bello e importante, contro una squadra che fino all'anno scorso faceva la Serie A ed è una delle più forti formazioni del campionato. Dobbiamo metterci nelle condizioni di fare una grande partita, perché altrimenti diventa complicato. Loro hanno giocatori esperti e giovani che hanno giocato in A. Conosco la piazza perché ho allenato l'Olbia, è una città ambiziosa e noi dobbiamo stare molto attenti".

Mignani ha proseguito: "A noi non interessa ricevere complimenti ma fare punti, dobbiamo cercare di continuare sotto questo filo conduttore. Serve mantenere l'atteggiamento mostrato fin qui, avere voglia di aiutarci e lottare su ogni pallone, a maggior ragione nella trasferta di Cagliari. Questo è un campionato diverso dai precedenti sotto tanti aspetti, in Serie C c'è meno qualità e più aggressività, puoi trovare anche dei campi che come terreno e situazione ambientale propongono difficoltà. In B le avversarie giocano a viso più aperto, aprendosi e concedendo più spazi. Noi abbiamo mantenuto una mentalità che ci porta a combattere in ogni partita, cercando di proporre anche le nostre idee".

L'allenatore ha parlato dell'attacco: "Ho sempre pensato di avere tanti giocatori offensivi, negli ultimi giorni di mercato se ne sono aggiunti due con caratteristiche diverse dagli altri. Io cerco di guardare attentamente come lavorano in settimana e come crescono di condizione quelli che sono indietro, in base ai momenti e gli avversari cercherò di scegliere chi mandare in campo. Ne usiamo tre, avere risorse ti aiuta anche a cambiare a gara in corso. Un allenatore che ha la possibilità di scegliere è avvantaggiato. La gestione? Tutti devono dare il massimo e sapere che hanno la possibilità di giocare e qualche volta di andare in panchina".

Su Antenucci e i rigori sbagliati: "I rigori si sbagliano, lo fanno in tutti i campionati e le categorie. Antenucci non mi sembra un giocatore alle prime armi, ne ha calciati tanti in carriera, la cosa più bella è stata vedere a Cosenza Cheddira che è andato ad abbracciare e rincuorare Mirco dopo gli errori, la prossima volta se ne avrà voglia sarà ancora lui ad avere l'opportunità".

Sull'esclusione di Galano e Gigliotti dai convocati per l'ultima partita: "Tutti quelli che sono rimasti a Bari fanno parte dei nostri pensieri, poi c'è il dato numerico legato alla possibilità di portare 23 giocatori. Per forza di cose qualcuno deve rimanere fuori, ho fatto delle scelte in funzione di quello che vedo. Tutti vorrebbero avere la possibilità di dimostrare di avere la maglia da titolare, uno dei modi in cui possono dimostrarlo è durante l'allenamento. Si parla di giocatori che sono uomini di valore e grandi professionisti, nel loro recente passato hanno dimostrato di poter essere affidabili".

Il tecnico ha concluso: "Io vorrei un Bari che non prenda gol, che tiene sempre il possesso, lo vorrebbero anche loro. Lavoriamo per migliorare su quello che sono i nostri difetti, a volte sono gli episodi che portano la partita da una parte o dall'altra. La settimana scorsa a Cosenza siamo stati fortunati perché abbiamo subito poco ma loro hanno colpito una traversa, però sono convinto che bisogna lavorare per migliorare la fase difensiva, a Cosenza l'abbiamo fatto meglio di altre volte. La squadra non si è difesa e basta, l'idea di provare a chiuderla c'è, non dipende solo da te. Noi dobbiamo metterci spirito, atteggiamento, voglia e forza, pensare di non partire mai battuti".

Il tecnico del Bari Michele Mignani, nella conferenza stampa tenuta in vista della partita con il Cagliari, ha parlato di alcuni singoli. Queste le sue dichiarazioni su Salcedo: "Ha giocato negli ultimi minuti in momenti di partite in cui c'erano più spazi, è un giocatore completo che ha qualità nello stretto e può giocare in molti ruoli, anche trequartista. Sono contento che sia arrivato, mi spiace solo perché questa settimana ha avuto un piccolo fastidio e non si è allenato completamente con la squadra".

Sulla condizioni di Maita: "Penso che potrà essere fra i convocati, ha fatto un percorso di guarigione per un fastidio che gli creava problemi nei movimenti. È aggregato da due giorni, nel primo era più timido mentre nel secondo ho ritrovato il calciatore che avevamo lasciato. Se non ci saranno intoppi presumo sarà a disposizione".

Mignani ha parlato anche di Botta e del ballottaggio con Bellomo: "I ballottaggi ci sono tutte le settimane, tutti devono sapere che non hanno la certezza di giocare e chi gioca deve dimostrare di meritarsi la conferma. Siamo tutti sulla stessa barca, lavoriamo tutti per il Bari".

Nella conferenza stampa tenuta in vista della partita contro il Cagliari, il tecnico del Bari Michele Mignani ha parlato dell'inserimento dei nuovi arrivati: "Sono stracontento di loro e dell'atteggiamento che hanno, aver mantenuto l'ossatura dello scorso anno ci ha agevolato perché per un allenatore ricominciare da capo implica un lavoro diverso, mentre inserire altri uomini così è più facile. Alcuni acquisti sono entrati subito in sintonia con la squadra, quando c'è stata la possibilità li ho fatti giocare".

Il tecnico ha proseguito: "Quelli che vengono da campionati diversi hanno bisogno di qualche giorno in più, perché la tattica ha un ruolo importante e chi viene dall'estero queste cose le conosce meno. Qualcuno, come Ceter, ha avuto qualche problemino, ma lo vedo in crescita e motivato".


tuttobari.com
Torna in alto Andare in basso
 
Mignani: "A Cagliari sfida stimolante, Antenucci il rigorista. Sull'esclusione di Galano e Gigliotti..."
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Paparesta: "Candidatura? Sfida stimolante. Novara, ricordi indelebili"
» Mignani: "Con il Campobasso sfida difficile. Botta convocato, Maiello out. Le condizioni di Galano e Paponi"
» Mignani: "Botta non sta ancora benissimo. Io sempre esposto alle critiche. Zeman? Stimolante affrontarlo"
» 18/09/15 - Nicola: "Contro il Pescara una sfida stimolante"
» Acr Messina, Ragone: "Bari? Sfida di vertice, sarà stimolante"

Permessi in questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.
Pensieri Biancorossi :: Forza Bari :: Edicola biancorossa-
Vai verso: