Pensieri Biancorossi
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.


..
 
HomeHome  IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  
 

 Scala e il mercato: "Moreo? Un sogno. Le cessioni? Nessuno vuole andare via. Ecco cosa ha chiesto Vivarini"

Andare in basso 
AutoreMessaggio
GIAMEL

GIAMEL

Messaggi : 19097
Data d'iscrizione : 25.03.15
Età : 39
Località : Villabate (PA)

Scala e il mercato: "Moreo? Un sogno. Le cessioni? Nessuno vuole andare via. Ecco cosa ha chiesto Vivarini" Empty
MessaggioTitolo: Scala e il mercato: "Moreo? Un sogno. Le cessioni? Nessuno vuole andare via. Ecco cosa ha chiesto Vivarini"   Scala e il mercato: "Moreo? Un sogno. Le cessioni? Nessuno vuole andare via. Ecco cosa ha chiesto Vivarini" EmptyVen Dic 13, 2019 11:34 am

Scala e il mercato: "Moreo? Un sogno. Le cessioni? Nessuno vuole andare via. Ecco cosa ha chiesto Vivarini" 27e75bc1920e303faf4fd73ab197e830-93256-8a3292e1157fa42b7e7033a877e25f3e

Il mercato si avvicina. Oggi il club manager biancorosso Matteo Scala è intervenuto sul tema a RadioBari: "Moreo e Lanini? Sono boutade. Soprattutto Moreo sarebbe un sogno: difficilmente scenderà in Serie C, abbiamo avuto un contatto quest'estate ma il calciatore ha preferito rimanere in B. Stiamo cercando di trovare le soluzioni migliori. Il mercato di gennaio è di attesa rispetto a quello estivo. Dobbiamo cercare i calciatori che, magari in categorie superiori, non rientrano nei piani delle società. A gennaio chi ha i calciatori importanti se li tiene".

Scala sviluppa ancor più approfonditamente... "Le priorità? Io credo che sia evidente un dato: questa squadra ad oggi ha un problema negli ultimi minuti, quindi manca qualcosa nei ricambi e nel reparto avanzato. Chi è subentrato non ha dato le giuste garanzie fin qui: le richieste di Vivarini sono di andare a individuare calciatori che possano dare intensità e qualità fino alla fine. Le altre squadre 16 calciatori a livello di costanza li hanno, noi invece siamo carenti. Floriano, Ferrari e Neglia? Non è una questione di prestazioni, ma di caratteristiche. Noi avevamo cominciato con un certo tipo di calcio, ora ne facciamo un altro. Non è una questione di prestazioni deludenti, tutti si impegnano e danno il massimo".

"Spesso leggo i commenti, veniamo criticati - prosegue Scala - La Reggina sta rendendo molto più piccolo il campionato del Bari. Io sono abituato a guardare in casa mia, quello che stiamo facendo è qualcosa di straordinario. Si può migliorare, ma bisogna fare attenzione al mercato di gennaio, si rischia di fare danni. Non serve prendere tanto per prendere. Trovare le pedine giuste è il lavoro più difficile, il nostro obiettivo è trovare le persone giuste, non bisogna sbagliare assolutamente. Noi vogliamo rincorrere nel girone di ritorno, vogliamo consolidare le nostre prestazioni, il nostro obiettivo è compiere il miracolo: il salto di categoria. Calciatori che vogliono andare via purtroppo, o per fortuna, non ce ne sono: a Bari si sta troppo bene. Questo è motivo di orgoglio. I calciatori hanno il nodo in gola all'idea di spostarsi. Noi non mandiamo via nessuno: tutti vogliono rimanere qua, anche chi gioca poco. Nel corso delle settimane ci saranno opportunità di mercato. Arrivi di nuovi calciatori già per inizio gennaio? La speranza è di trovare i calciatori giusti il prima possibile, ma conosciamo le dinamiche. Succede tutto nell'ultima settimana. Purtroppo è un mercato difficile".

Nel corso dell'intervento di questa mattina a RadioBari, Scala ha parlato della sfida di domenica contro la Casertana: "Ne ho parlato con ragazzi e mister: domenica è un crocevia importante. Se vinciamo dimostriamo una maturità pazzesca. E' una partita difficilissima, delle ultime cinque avevo detto che questa sarebbe stata la più difficile. Col Teramo senza l'incidente finale avevamo vinto. Loro hanno calciatori di categoria superiore, sulla partita secca loro possono tenere tranquillamente testa anche ad una squadra di B. E' come giocare con le prime della classe: hanno calciatori che non hanno nulla da invidiare alle prime 4-5 del campionato. L'ambiente sarà molto difficile, in un campo non bellissimo che non faciliterà il nostro modo di giocare: dobbiamo armarci di elmetto e sciabola".

Qualche giorno fa Scala ha completato il percorso per diventare diesse, nella sua classe anche Cassano: "Antonio lo conosco, condividiamo le volte in cui rientro a Genova. E' un ragazzo strepitoso dal mio punto di vista, di cuore, si sta bene con lui. E' molto intelligente e capisce di calcio. Abbiamo creato un bel gruppo con tutti quelli che hanno partecipato al corso: c'è stato il sacrificio di abbandonare la squadra per tre giorni alla settimana, ma è stata un'esperienza bella che si è conclusa con soddisfazione. La mia tesi? Sul ruolo di direttore sportivo, e ho raccontato le mie esperienze. Avevo già 8 anni di esperienza sul campo, c'era chi non aveva ancora lavorato. Ho avuto questa fortuna, e quindi ho potuto parlare di quello che ho visto in prima persona".


tuttobari.com
Torna in alto Andare in basso
 
Scala e il mercato: "Moreo? Un sogno. Le cessioni? Nessuno vuole andare via. Ecco cosa ha chiesto Vivarini"
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Pensieri Biancorossi :: Forza Bari :: Edicola biancorossa-
Vai verso: