..
 
HomeHome  IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  
Condividi | 
 

 GdS - Bigica: "Langella, che personalità! L'ho allenato ad Empoli, era un attaccante. Gol? Non si fermerà..."

Andare in basso 
AutoreMessaggio
GIAMEL

avatar

Messaggi : 15897
Data d'iscrizione : 25.03.15
Età : 37
Località : Villabate (PA)

MessaggioTitolo: GdS - Bigica: "Langella, che personalità! L'ho allenato ad Empoli, era un attaccante. Gol? Non si fermerà..."   Mar Nov 27, 2018 8:47 am


Allenatore di Langella ai tempi delle giovanili dell'Empoli è stato Bigica, ex centrocampista biancorosso. L'incontro fra passato e presente del Bari è raccontato dallo stesso Bigica oggi in un'intervista a La Gazzetta dello Sport: "Ci vuole personalità, e tanta, per fare un gol come quello realizzato da Langella a Gela. Abbiamo avuto un percorso comune nelle giovanili dell’Empoli. Allenavo i ragazzi un tantino più grandi di Langella, i ’98 e i ’99. Christian è un 2000, ma era spesso al lavoro con noi. In seguito ha avuto un’esperienza preziosa al Pisa, dove peraltro è stato il primo millennial a esordire nel club neroazzurro".

Bigica rimarca... "Tra i baby dell’Empoli, giocava essenzialmente da attaccante. Sì, un esterno con vocazione offensiva. Del resto, ha i piedi di una punta e vede la porta. Ma Langella sta facendo bene anche da esterno di centrocampo. A 18 anni è naturale, opportuno e giusto che si adatti alle esigenze del tecnico. Altrimenti a quale età lo farà? Se Cornacchini gli dicesse di giocare in porta, dovrebbe accettare. Per lui Bari rappresenta un’occasione ghiottissima. Certo, anche in Serie D. Perché ha l’opportunità di esprimersi in una squadra che, sovente, ha il pallino del gioco. In una piazza che ama il calcio come poche e in un contesto ricco di calciatori di qualità. Continui ad essere umile e ci provi sempre. Ha già fatto due gol pesanti in maglia biancorossa, non si fermerà".

Affonda nei ricordi della sua carriera in biancorosso, Emiliano Bigica. L'ex centrocampista, intervistato da La Gazzetta dello Sport, dice: "A vent’anni, ebbi la soddisfazione di tornare nel mio Bari. Il mister, Beppe Materazzi, mi consegnò coraggiosamente i gradi di capitano. Non so, ma credo di essere stato il capitano più giovane della storia del Bari. Partimmo a fari spenti, pian piano crescemmo fino a vincere il campionato e sbarcare in Serie A. Era la squadra di Fontana, Amoruso, Barone, Alessio, Tovalieri e Igor Protti. Il mio Bari. Mi vengono sempre i brividi, la pelle d’oca, quando ripenso a quel Bari. Anche noi baresi contribuimmo a far rinascere l’entusiasmo, dopo i sogni infranti e la retrocessione del Bari di David Platt. Siamo arrivati a riportare 50.000 persone al San Nicola, per un Bari­-Padova in Serie B, per la festa della promozione. Da barese, mi auguro con tutto il cuore che tornino presto quei tempi e quelle emozioni. La città e i tifosi le meritano".


tuttobari.com
Torna in alto Andare in basso
 
GdS - Bigica: "Langella, che personalità! L'ho allenato ad Empoli, era un attaccante. Gol? Non si fermerà..."
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Dopo che ho allenato il servizio , il giorno dopo sento dolore alla base del dito indice facendo pressione su di esso ? sbaglio qualcos
» Segnaliamo il miglior prezzo delle scarpe.
» Quale racchetta per un attaccante??
» Pedullà:Empoli, forte inserimento per Memushaj e si stringe per Maietta

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Pensieri Biancorossi :: Forza Bari :: Edicola biancorossa-
Vai verso: